Qualche aspetto positivo, qualche grande no e un po’ di consigli finali: ti racconto cosa significa viaggiare con Flixbus secondo la mia esperienza!

Viaggiare con Flixbus Viaggiare con Flixbus non è più una novità: sono in molti, ormai, a conoscere questo servizio e ad averlo provato in giro per l’Italia e l’Europa. Per chi scrivo questo post, allora? Per chi non ne ha mai usufruito, chi non si fida, chi ha sentito solo cose belle o solo cose brutte, chi ha bisogno di qualche consiglio prima di iniziare a usarlo, chi non è al corrente delle ultime novità!

Ho viaggiato diverse volte con Flixbus (sempre in Italia e su tratte dalle 3 alle 7 ore circa di percorrenza), e penso che questo servizio abbia diversi aspetti positivi e altri negativi da considerare. Qui ti racconterò la mia esperienza, ma ti parlerò anche di quello che potrai trovare a bordo degli autobus, di come prenotare facilmente e di cosa fare per rendere il tuo viaggio il più piacevole possibile. Spero, insomma, che questo post ti serva come guida in cui trovare tutto quel che devi sapere su Flixbus!

*Premessa: voglio ricordati che questo post è frutto delle mie ricerche e delle mie esperienze personali. Non ho in nessun modo a che fare con Flixbus e con il suo servizio clienti.*

Che cos’è Flixbus?

Flixbus non è altro che una società di autobus extra-urbani a basso costo. Questa piattaforma di mobilità internazionale è stata fondata nel 2011 da tre giovani imprenditori di Monaco di Baviera: Jochen Engert, Daniel Krauss e André Schwämmlein. La prima tratta tedesca è stata inaugurata nel 2013 e, un anno dopo, Flixbus operava già in tutta la Germania. In quegli anni c’è stata la fusione con MeinFernbus, e la società si è così trasformata da start-up tedesca a leader europeo, allargando le proprie tratte a Italia, Francia, Austria, Paesi Bassi, Croazia… A oggi, quella di Flixbus è la rete di autobus a lunga percorrenza più estesa d’Europa, con oltre 2.000 destinazioni, dalle grandi città ai piccoli centri più o meno turistici, in 28 Paesi (tutti in Europa più gli Stati Uniti, entrati nella rete a maggio del 2018). I collegamenti giornalieri sono più di 300.000, mentre i clienti hanno ormai superato i 100 milioni.

Le tratte su cui viaggiare con Flixbus

Come ti dicevo, Flixbus collega tra loro oltre 2.000 destinazioni in 28 Paesi, di cui oltre 300 in Italia (anche grazie alla collaborazione, iniziata a dicembre 2018, con la compagnia di autobus Baltour): in questa pagina potrai trovare l’elenco di tutte le destinazioni coperte.

Il sito di Flixbus è molto utile non solo per prenotare le tratte che si hanno in mente, ma anche per trarre ispirazione per il prossimo viaggio: non sai bene dove andare, ma cerchi un luogo dove vivere le spiagge, l’architettura, il carnevale, il ciclismo, la gastronomia, le terme o tanto altro? Nella stessa pagina che ti ho linkato qui sopra, potrai farti guidare da Flixbus e scegliere la destinazione ideale in base alle tue preferenze. Ad esempio: puoi scegliere Italia come Paese e “mete sciistiche” come preferenza: il sistema ti proporrà sei diverse destinazioni italiane, in ordine alfabetico. È un sistema molto semplice e perfetto per trovare la giusta ispirazione!

Allo stesso tempo, può capitare che ti venga voglia di fare un viaggio, ma che tu non sappia bene quali siano le destinazioni raggiungibili dalla tua città: in questo caso, basta utilizzare la comodissima mappa, e in un attimo saprai quali sono le mete a tua disposizione.

Viaggiare con Flixbus

Ecco un esempio di come funziona la mappa: in un attimo vedi quali sono tutte le mete in Europa raggiungibili da Milano.

In generale, nella sezione “Pianifica il tuo viaggio” sul sito puoi trovare diversi spunti.

Viaggiare con Flixbus: tutte le opzioni per prenotare

Devo ammettere che prenotare un viaggio con Flixbus è una delle cose più facili al mondo. Esistono diverse opzioni per farlo: dal sito web, dall’app, dall’estensione Chrome o di persona. Io uso tantissimo l’app, la trovo molto comoda! Vediamo insieme tutte le modalità.

Dal sito

Basta andare sulla schermata principale del sito di Flixbus, digitare le informazioni richieste (luogo e data di partenza e di arrivo, numero di passeggeri) e cliccare su “Cerca”. Comparirà una schermata con tutti i viaggi disponibili per i dati selezionati: ogni viaggio contiene informazioni utili, come la durata, il nome della stazione di partenza/arrivo e, naturalmente, il costo del biglietto. Nella colonna a sinistra si possono ordinare i risultati in base a tre parametri (partenza più prossima, prezzo e durata), oppure impostare diversi filtri di preferenza, come i luoghi e gli orari in cui si vuole partire/arrivare.

Viaggiare con Flixbus

Un esempio di ricerca per la tratta Milano/Firenze.

Una volta scelto il viaggio preferito, si clicca su “Prenota” per aggiungere quel viaggio al carrello; una volta prenotati tutti i viaggi che si desidera, si clicca sul pulsante “Prenota il tuo viaggio” a destra e, da questo momento, si hanno 30 minuti di tempo per finalizzare la prenotazione. Si può effettuare il pagamento con bancomat/carta di credito, con Google Pay o con il proprio account Paypal; una volta cliccato su “Procedi al pagamento”, si riceverà un’email con il riepilogo dell’acquisto e il biglietto da stampare e da mostrare al conducente. Insieme al biglietto, riceverai anche delle etichette da ritagliare e attaccare al tuo bagaglio come riconoscimento (non sono tuttavia obbligatorie e puoi evitare di stamparle se non ti servono).

Dall’app

È possibile scaricare l’app di Flixbus su App Store o Google Play. Una volta scaricata, nella pagina “Prenotazione” si può eseguire la ricerca, scegliere la tratta e prenotare in modo molto simile al sistema di prenotazione del sito. Una volta effettuato il pagamento, nella sezione “Biglietti” troverai il tuo acquisto; se hai acquistato tramite il sito ma preferisci avere il biglietto sull’app, basta cliccare su “+” e inserire il numero della prenotazione e l’indirizzo email, così il biglietto sarà trasferito direttamente sull’app. Questo è ciò che faccio di solito: scelgo e prenoto il mio viaggio sul sito (mi piace di più farlo dal computer), poi apro l’app e trasferisco qui il biglietto e il suo codice di prenotazione; al momento della partenza, mostro la schermata con il QR code al conducente, senza la necessità di stampare niente.

Dall’estensione Chrome

Se sei una persona che usa Flixbus davvero molto spesso e cerca la soluzione più rapido in assoluto, puoi pensare di attivare l’estensione Flixbus su Chrome (la trovi sul Chrome Web Store). L’estensione comparirà a destra della barra degli indirizzi di Chrome, e potrai cliccarci ogni volta che ti serve per aprire una velocissima schermata di prenotazione.

Viaggiare con Flixbus

Il simbolo dell’estensione comparirà a destra della barra degli indirizzi.

Viaggiare con Flixbus

Cliccandoci sopra si aprirà una schermata di prenotazione rapidissima.

Dalle agenzie fisiche

Se l’idea di spendere soldi online o tramite app non ti piace, puoi sempre tornare alle vecchie abitudini e acquistare i biglietti presso i punti vendita fisici di Flixbus. Ce ne sono a centinaia in tutta Italia, tra autostazioni, agenzie di viaggi e altro; su questa mappa puoi trovare quella più comoda per te. In tantissimi punti Sisal si possono anche acquistare le gift card Flixbus (sicuramente un regalo utile per chi usa spessissimo questo servizio. Si possono comunque acquistare anche online).

Dal conducente

Infine, se sei proprio in emergenza o hai deciso di partire all’ultimo momento, puoi acquistare il biglietto direttamente dal conducente, poco prima che l’autobus parta. La ricevuta del pagamento (solo in contanti) fungerà da biglietto, e ovviamente non potrai usufruire delle tariffe agevolate che compaiono spesso sul sito o sull’app.

Annullamento o modifica della prenotazione

A volte può capitare di non poter più andare e, anche se i costi del viaggiare con Flixbus sono spesso bassi, meglio avvisare (online o offline, presso le agenzie partner).

Per quanto riguarda la modifica della prenotazione, la si può fare fino a 15 minuti prima del viaggio; se la si fa fino a 30 giorni prima del viaggio è gratuita, altrimenti si deve pagare una commissione di 1, 3 o 5€ in base a quando si effettua la modifica. Se si cancella, invece, si ottiene un rimborso del prezzo del biglietto, al netto della commissione di cancellazione (uguale a sopra).

Per modificare/cancellare la prenotazione, basta navigare su questa pagina.

Viaggiare con Flixbus

I servizi di Flixbus

Una volta prenotato il nostro viaggio… quali sono i servizi di cui possiamo usufruire viaggiando con Flixbus? Fondamentalmente, viaggiare con Flixbus ci permette di raggiungere un’altra città spendendo poco, ma non si tratta solo di questo.

Servizi a bordo

Ecco i servizi che potrai trovare a bordo degli autobus Flixbus, in generale:

Wi-Fi: la connessione wireless è sempre presente anche se, secondo la mia esperienza, è molto limitata e non sempre funziona benissimo.

Sedili comodi: le sedute vengono pubblicizzate da Flixbus come molto comode, con i poggiatesta ergonomici, un discreto spazio per le gambe e gli schienali regolabili. Io, da questo punto di vista, mi sono trovata sempre abbastanza bene.

Prese di corrente: ottime per ricaricare i dispositivi o provare a lavorare al computer senza paura che la batteria si scarichi.

Toilette: si trova a bordo di qualsiasi autobus Flixbus.

Spazio per il bagaglio.

Snack e bevande: è possibile acquistarle direttamente dal conducente su diversi autobus, ma solo sulle tratte internazionali. Io non ho mai provato questo servizio ma, da alcune recensioni su internet, ho capito che i prezzi non sono particolarmente eccessivi.

Viaggiare con Flixbus

Altri servizi

Al di là dei servizi a bordo, poi, Flixbus fornisce altri piccoli servizi, come un’assistenza online e un formulario online da compilare per la denuncia di eventuali oggetti smarriti.

Altre cose comode random da segnalare:

Scelta e prenotazione dei posti

Da qualche mese esiste la possibilità, su quasi tutte le tratte, di scegliere e acquistare i propri posti, con una maggiorazione che varia da 1€ a 5€ sul costo del biglietto in base alla tratta; è possibile acquistare questo servizio al momento della prenotazione. È una cosa ottima sia per scegliere il tipo di posto tra quelli “normali” e quelli dove ci sono i tavolini o uno spazio maggiore per le gambe, sia per avere la certezza di sedersi vicino ai propri compagni di viaggio, se non si viaggia da soli.

Ricordati che invece, se non hai prenotato nessun posto, una volta sull’autobus potrai sederti solo sui sedili contrassegnati dal numero di colore verde (quelli grigi sono stati prenotati oppure richiedono una maggiorazione di prezzo).

Bagagli straordinari

Nel prezzo di qualsiasi biglietto sono sempre inclusi due bagagli: uno, da stivare, può essere grande al massimo 80x50x50cm (o simili, basta che il volume totale non superi i 160cm) e peso al massimo 20kg; e un bagaglio a mano da portare con sé (dimensioni massime 42x30x18, peso massimo 7kg). A dire la verità non ho mai visto i conducenti effettuare controlli sulle misure dei bagagli, ma sempre meglio essere a conoscenza delle regole!

È possibile portare con sé un bagaglio aggiuntivo al costo di 2€ (da pagare al momento della prenotazione, o di 4€ se viene fatta richiesta successivamente per telefono).

Come funziona per i bagagli speciali (biciclette, strumenti musicali, stampelle, sci, oppure bagagli più grandi, del volume complessivo di massimo 240cm e peso di massimo 30kg)? Ogni passeggero ne può portare con sé solo uno al massimo, al costo di 9€ aggiuntivi. Bisogna dichiararlo al momento della prenotazione, oppure tramite call center ma entro 48 ore dalla partenza. Sedie a rotelle, supporti per la mobilità e passeggini (solo pieghevoli) possono essere trasportati gratuitamente, ma devono essere registrati per telefono almeno 48 ore prima della partenza.

Assicurazione di viaggio

Per pochissimi euro in più, esiste la possibilità di acquistare un’assicurazione di viaggio in aggiunta al prezzo del biglietto. In particolare, ci sono tre diverse opzioni di assicurazione: bagaglio (smarrimento, furto o danneggiamento, con copertura fino a 1.000€), perdita connessioni (se non riesci a prendere una coincidenza a causa di ritardi con Flixbus, con copertura fino a 1.000€), oppure il pacchetto che comprende entrambe.

Viaggiare con Flixbus

Assicurazione, prenotazione del posto e bagagli aggiuntivi: da acquistare in maniera facoltativa al momento della prenotazione, subito prima del pagamento finale.

Localizzazione dell’autobus in diretta

Oltre alla comodità per la prenotazione, l’app è da scaricare anche per un altro plus: esiste la possibilità di localizzare il proprio Flixbus, così da capire se è in orario, quanto tempo manca prima che arrivi e se hai tempo per andare al bar prima della partenza. Dall’app puoi anche localizzare la fermata dell’autobus e seguire passo passo il percorso per raggiungerla (cosa ottima, visto che certe autostazioni sono un vero caos). Si può anche accettare l’invio di messaggi cosicché ti vengano segnalati eventuali problemi, ritardi o modifiche in diretta.

Viaggiare su Flixbus con bambini e animali

Sono spesso disponibili delle tariffe ridotte per bambini e ragazzi (fino ai 15 anni di età). Chi viaggia con bambini piccoli (fino a 3 anni) dovrà portare il seggiolino con sé, su cui i piccoli dovranno restare seduti con la doppia cintura allacciata per tutta la durata del viaggio.

In linea generale, non è consentito il trasporto di animali sui mezzi Flixbus.

Passeggeri con mobilità ridotta

Se un passeggero viaggia su sedia a rotelle ma è in grado di salire sull’autobus, la sedia (obbligatoriamente pieghevole) sarà sistemata nel vano bagagli. Per i disabili non autonomi, invece, i relativi accompagnatori viaggiano gratuitamente, così come i cani accompagnatori o i cani guida per non vedenti. Questi ultimi dovranno indossare la museruola solo se espressamente richiesto dal conducente o da un passeggero. La presenza di accompagnatori o cani guida deve essere segnalata tramite call center almeno 36 ore prima della partenza.

InterFlix

Viaggiare con Flixbus significa anche avere l’opportunità di girare l’Europa a basso costo: InterFlix è un programma che funziona esattamente come un Interrail, ma sull’autobus invece che in treno! Sul sito si possono acquistare 5 buoni per viaggiare in 5 città diverse d’Europa, al costo di 99€.

Flixbus noleggio

Un’altra novità è Flixbus Noleggio, ovvero la possibilità di noleggiare un pullman con conducente privato: una soluzione che sembra essere molto buona per chi organizza gite, escursioni, eventi aziendali o altre occasioni particolari. Il preventivo è immediato (basta inserire luoghi, date e orari di partenza/arrivo, eventuali tappe intermedie e numero di passeggeri), e comprende eventuali tasse, pedaggi autostradali, ZTL e altro. Si può confermare gratuitamente e poi pagare il saldo fino a 14 giorni prima del viaggio (stesso limite entro cui si può cancellare o modificare la prenotazione gratuitamente).

Viaggiare con Flixbus: la mia esperienza

E qui veniamo al breve racconto sulla mia esperienza con Flixbus. Si tratta di un servizio che ho usato diverse volte, come ti dicevo solo in Italia: a parte un viaggio Milano-Perugia e ritorno, ho sempre viaggiato tra Milano, Firenze e Trento. Ti dico subito che io ho un’opinione tutto sommato positiva di questo servizio, e forse il fatto di aver viaggiato solo su tratte nazionali aiuta: ho sentito di persone che hanno subito i disservizi più grandi nelle tratte internazionali, dove magari dei contrattempi alla dogana hanno provocato ritardi a cascata immensi. Un altro motivo per cui a me Flixbus non dispiace è, sicuramente, perché sono una persona che si adatta facilmente a qualsiasi tipo di trasporto: finché l’autobus è discretamente pulito e l’autista non fa pazzie, a me va bene tutto e sopporto tutto!

I viaggi che ho fatto con Flixbus sono sempre andati piuttosto bene: sedili comodi in pelle, autobus non troppo affollati, guida tranquilla, partenze e arrivi in orario. Solo una volta (nel tratto da Perugia a Milano) mi sono un po’ lamentata della sporcizia dell’autobus e della guida dell’autista, non propriamente tranquilla.

Viaggiare con Flixbus

Sicuramente, il fattore che più mi spinge a viaggiare con Flixbus piuttosto che con altri mezzi è il costo: per viaggiare da Milano a Firenze, non ho mai speso più di 15€ e l’autobus impiega poco più di tre ore (come un Intercity, oppure circa il doppio di un Frecciarossa rispetto al quale, però, costa meno della metà). Un altro motivo ottimo è la possibilità di fare viaggi diretti: io, personalmente, preferisco stare un po’ più sull’autobus piuttosto che dover fare cambi  di mezzo e trascinarmi il bagaglio da una parte all’altra. Per andare in città come Trento, ad esempio, questo per me non sarebbe (quasi mai) possibile in treno con un Frecciarossa.

Su Flixbus soli e in compagnia

Viaggiare con Flixbus è un po’ come entrare in un micro-cosmo di tipologie umane che farebbero la felicità di qualsiasi sociologo o antropologo: osservare e sopportare questa diversità può essere molto divertente o molto snervante, dipende da come la prendi! Infatti, sull’autobus (forse ancora di più che sul treno, visti gli spazi più stretti) dovrai convivere con persone di tutti i tipi: ci sono i giovani silenziosi che si guardano le partite di calcio in streaming, ma anche il gruppo di ucraini che la partita la sta andando a vedere; i ragazzini che si sbaciucchiano nelle file in fondo come alle scuole medie, la signora che come spuntino si è portata un panino con la mortadella alle 7 del mattino, quelli che vogliono attaccare bottone quando tu vorresti solo riposare o leggere il tuo libro in pace, quelli che vanno al bagno dieci volte in tre ore, quelli che russano, quelli che litigano, quelli seduti davanti a te che puntualmente abbassano lo schienale fino al limite consentito dalle leggi della fisica, quelli che parlano continuamente al cellulare (o quelli che, e qui sono solitamente le signore dai 60 anni in su, tengono la suoneria dei tasti e continuano a spippolare senza sosta)… Insomma, ci siamo capiti, e queste sono tutte persone che mi sono capitate come vicini di posto o quasi. L’importante è essere flessibili, non arrabbiarsi, dare rispetto… ma anche pretenderlo, quando serve! 🙂

Viaggiare con Flixbus

I miei pro del viaggio con Flixbus

Ma al di là della mia esperienza penso che, a livello generale, viaggiare con Flixbus presenti alcuni punti a favore. Ecco quali sono, secondo me:

Il prezzo

C’è poco da fare, quello che fa più gola di Flixbus è il prezzo, soprattutto quando si riesce a viaggiare da una città all’altra con soli 5€, o quando si riescono a risparmiare oltre 50€ su qualsiasi altra opzione disponibile per quella tratta (come è successo a me per il viaggio Milano-Perugia a/r). In generale, Flixbus stima un risparmio del 60-80% rispetto alla stessa tratta in treno.

La facilità di prenotazione

Viaggiare con Flixbus è facilissimo, perché è prenotare è davvero una delle cose più semplici e veloci che esistano: non serve necessariamente fare il login (anche se farlo velocizza la prenotazione), non si deve fornire un numero spropositato di dati personali, le schermate di prenotazione e di selezione dei viaggi sono davvero immediate e intuitive. L’app è comodissima e sul sito si trovano davvero tutte le informazioni di cui si ha bisogno.

La prenotazione dei posti

Questa novità va sicuramente a rientrare tra i pro del viaggio con Flixbus, che diventa quindi comodo e piacevole anche per quelle persone che viaggiano in compagnia.

I servizi

Il bagno è presente all’occorrenza e il Wi-Fi è molto utile, così come le prese di corrente. Diversamente dal viaggio in treno, con Flixbus è anche possibile che le tratte scelte prevedano delle soste più o meno lunghe, durante le quali non solo sgranchirsi le gambe, ma anche andare a mangiare qualcosa.

La comodità

I sedili sono tutto sommato comodi, con schienali reclinabili, poggiapiedi e tavolino. Ma, soprattutto, trovo comoda la possibilità di effettuare viaggi diretti (anche verso le località più piccole, spesso snobbate dai treni non regionali) senza spostare i bagagli o avere l’ansia di riuscire a prendere una coincidenza.

Il rispetto per l’ambente e la sostenibilità

Questo è un pro che mi piace particolarmente: viaggiare con Flixbus è sicuramente meno inquinante rispetto ad altri mezzi (soprattutto l’auto quando si viaggia da soli!). Inoltre, non solo gli autobus Flixbus sono efficienti in termini di consumi e di emissioni di CO2 ma, al momento della prenotazione, è anche possibile versare un piccolissimo contributo ambientale in modo volontario (circa l’1-3% del prezzo del biglietto scelto); così si può far fronte alle emissioni provocate dal proprio viaggio, visto che questo contributo viene reinvestito a favore di diversi progetti sostenibili (ben descritti sul sito della compagnia).

Viaggiare con Flixbus

I miei contro del viaggio con Flixbus

Se così tante persone sconsigliano Flixbus in modo categorico un motivo ci sarà: le brutte esperienze possono capitare in tutti gli ambiti, ma un servizio come questo è particolarmente soggetto ad avere aspetti negativi. Qui ti dico quali sono, secondo me:

La scomodità

In contrasto a quello che dicevo prima, ci sono anche alcuni aspetti scomodi quando si viaggia con Flixbus: rispetto al treno (generalmente), lo spazio è sicuramente minore, e in generale è possibile trovare autobus nuovi e belli come autobus molto più vecchi, coi sedili più usurati: va anche molto a fortuna! C’è anche il problema legato al fatto che spesso le tratte sono molto lunghe ma, soprattutto, trovo molto scomoda l’ubicazione delle fermate di alcune località; spesso, le fermate Flixbus sono lontane dal centro città, che deve essere raggiunto utilizzando un altro mezzo di trasporto (come la metropolitana, nel caso di Milano).

I ritardi

Per fortuna a me non è mai capitato, ma ho letto molti commenti in cui si parlava di ritardi pazzeschi che, ovviamente, possono provocare non pochi disagi. Questi ritardi possono essere provocati da incuria da parte dell’azienda e dei conducenti, ma anche da contrattempi o incidenti stradali per i quali, purtroppo, non si può fare niente.

I servizi

Uno su tutti è il Wi-Fi: se è vero che perlomeno esiste, è anche vero che purtroppo non sempre funziona bene, ed è comunque ad accesso molto limitato.

La cura del mezzo

Mi è successo solo una volta di trovare un autobus sporco, pieno di carte, di briciole dappertutto, di cose appiccicose intorno ai sedili. Anche se per me è stato un evento raro, già il fatto che possa capitare è sicuramente un contro.

Viaggiare con Flixbus

I miei consigli finali per viaggiare con Flixbus in santa pace

Non si può dire che io sia un’esperta ma, secondo la mia esperienza, ecco quello che mi sento di consigliarti se vuoi viaggiare con Flixbus ed evitare di perdere la pazienza!

Flessibilità

Credo che sia necessario ricordarsi sempre che, comunque, si sta usufruendo di un servizio low cost: non ci si può aspettare che viaggiare con Flixbus sia il massimo del comfort e che gli altri passeggeri siano tutti dei lord. La flessibilità serve anche per prepararsi a eventuali ritardi o problemi: serve un po’ di pazienza, specialmente perché si tratta di un mezzo che viaggia su strada e che quindi può incontrare incidenti e contrattempi; per cui forse è meglio prenotare un altro servizio se non si ha pazienza o se si deve essere certi di arrivare a destinazione entro un certo orario (cosa che nessun servizio può garantire, ma di sicuro un treno è generalmente più puntuale di un autobus).

Occhio alla convenienza

Anche se Flixbus ti sembra il servizio più conveniente possibile, dai sempre un’occhiata alle tratte coperte da altri mezzi di trasporto, come treni o aerei: a volte può capitare di trovare un’offerta imperdibile che ti farà viaggiare in maniera più comoda ed economica. In altre parole, prenota con Flixbus solo quando il gioco vale la candela e quando non ci sono altre mezzi che possano compensare. In particolare, è possibile che altre compagnie di autobus siano comunque più convenienti di Flixbus: usa dei siti di comparazione come Busradar, Sobus o Checkmybus per verificare!

Facilitarsi le cose

Scaricando l’app, la prenotazione diventa ancora più facile e veloce, e ci si risparmia qualsiasi eventuale fastidio legato alla prenotazione. Se poi si vuole provare a rendere il nostro viaggio più confortevole, forse vale la pena spendere un paio di euro in più per prenotare un posto specifico, così da essere più comodi e da viaggiare vicino al proprio compagno di viaggio.

Tutelati

È sempre bene che i propri bagagli da stiva abbiano delle etichette col tuo nome (che siano quelle di Flixbus o altre), per evitare spiacevolissimi scambi di bagaglio.

Un’altra forma di tutela – ma ugualmente importante, soprattutto se pensi di aver subito un torto dalla compagnia – è la lettura dei diritti del passeggero.

Riduci il viaggio al minimo

Se hai paura di non riuscire a sopportare così tante ore rinchiuso dentro a un parallelepipedo con le ruote, con a malapena la possibilità di muovere le gambe, opta per Flixbus solo per tratte inferiori alle quattro ore (o tre, o due, o una… dipende da te), e “investi” in un altro mezzo di trasporto per tratte più lunghe. Allo stesso modo, scegli solo tratte entro i confini nazionali se vuoi evitarti gli eventuali contrattempi alle dogane che potrebbero provocare dei ritardi.

Viaggia di notte

Se vuoi viaggiare con Flixbus ma hai paura di sacrificare troppo tempo a bordo – tempo che sarebbe magari impegnato per visitare o scoprire nuovi luoghi –, puoi pensare di prenotare una tratta notturna, così da riposare in viaggio e trascorrere meno tempo sull’autobus (effettuando meno soste e condividendo la strada con molto meno traffico, gli spostamenti notturni sono in genere più brevi di quelli diurni). Io non ho mai provato, se tu l’hai fatto fammi sapere com’è!

Parti attrezzato

Anche se durante le soste avrai modo di prendere qualcosa, ti consiglio di portare con te dell’acqua e qualche snack, così potrai rifocillarti come e quando vorrai tu. Parti anche con una discreta dose di cose da fare (dal tablet al libro, dalla musica alla rivista e tutto quel che vuoi tu) per passare il tempo, specialmente per i viaggi super lunghi.

Rispetta lo spazio comune

Visto che a nessuno di noi piace viaggiare su mezzi pieni di sporcizia, caos e odori strani, facciamo la nostra parte e impegniamoci a non lasciare carte e altre rifiuti in giro, a non parlare a tutto volume al telefono o con i propri compagni di viaggio, a evitare snack dagli odori un tantino intensi, e a rispettare gli spazi e gli altri passeggeri.


Viaggiare con Flixbus

Spero che questa guida di Flixbus ti sia stata utile! Pensi che viaggiare con Flixbus faccia per te? L’hai già provato o lo proveresti? Raccontami la tua esperienza con un commento! 🙂