Il viaggiatore sogna sempre il suo prossimo viaggio! Quali sono i miei? Non è stato facile, ma qui ti parlo dei miei #TravelDreams2019.

Travel Dreams 2019

Non si parte per andare da nessuna parte senza aver prima di tutto sognato un posto. […]
(Wim Wenders)

C’è chi dice di odiare i bilanci. C’è chi dice di non farsi aspettative per il futuro, di non crearsi desideri impossibili nel cuore, di non pensare a quello che verrà: dice di goderselo e basta. Io queste persone le ammiro, ma non ci credo: siamo umani e quel 31 dicembre sul calendario ci provoca sempre un certo subbuglio nello stomaco (anche se della festa di Capodanno non ce ne frega niente).

E quindi eccolo: quel 31 dicembre lo vedo sempre più vicino, e varcata quella piccola porta dorata… c’è il 2019.

Leggi qui anche:

I miei Travel Dreams 2016
I miei Travel Dreams 2017
I miei Travel Dreams 2018

I sogni dei travel blogger

Guardando all’anno nuovo, i viaggiatori pensano ai viaggi: a quelli che faranno, quelli già prenotati, quelli sperati o solo depositati in un angolino di quel cassetto dei sogni. Come tanti altri blogger di viaggio, a me piace mettere questi sogni per iscritto ed è per questo che, per il quarto anno consecutivo, mi ritrovo a parlare dei miei sogni di viaggio: i miei Travel Dreams 2019.

Ma… c’è un ma.

Io sogno il mondo intero

[…] E vice versa, senza viaggiare prima o poi finiscono tutti i sogni, o si resta bloccati sempre nello stesso sogno.
(Wim Wenders)

Il problema di quest’anno è che scrivere l’elenco dei Paesi che vorrei visitare non mi dà grandi soddisfazioni come negli anni passati. Sono settimane che penso a quali siano le destinazioni che davvero mi fanno scalpitare, e la verità è che io – come al solito, del resto – scalpito per il mondo intero. Scalpito, semplicemente, per andare. Le persone come me mi capiranno: la cosa davvero bella del viaggio, per noi, è la scoperta, la soddisfazione di una curiosità; di una curiosità qualsiasi, che sia il sapore di un piatto cucinato da mani vietnamite, i suoni delle cantilene religiose in un villaggio del Medio-Oriente, la sensazione setosa sotto le dita della sabbia bianca su certe spiagge brasiliane, i ricami sui tessuti degli abiti tipici in Polonia, il bruciore sulla pelle dal troppo freddo in un qualche Paese del nord… la curiosità è il mondo intero. Non mi importa dove vado e quando vado: importa come ci vado, come lo vivo, perché ci vado.

Sarà perché quest’anno ho viaggiato molto poco rispetto all’anno precedente, e perché so che anche nel 2019 certe contingenze non mi permetteranno di viaggiare granché. Sarà perché preferisco stare a casa piuttosto che volare in una qualche città europea per 36 ore e riuscire a malapena a scalfirne la superficie. Sarà perché nel 2019 sarò concentrata sul lavoro, sulla ricerca di una stabilità, su quel risparmio che è necessario. Il fatto è che quest’anno la penso così: ogni angolo di mondo mi farebbe battere il cuore allo stesso modo, perché so che, non potendo viaggiare molto, mi godrei ogni singolo istante e ogni singolo centimetro cubo di viaggio. Ovunque io sia.

Travel Dreams 2019

Fatta questa premessa essenziale… quali sono i luoghi che mi vengono in mente per primi, se penso ai miei Travel Dreams 2019?

Molti di quelli elencati negli scorsi anni, sicuramente. Nel 2018 sono riuscita a esaudire solo uno dei pochissimi desideri espressi un anno fa, il Lago Maggiore, e molti sogni sono ancora ben vividi nella mia mente. Ormai l’Andalusia non la elenco neanche più, essendo il mio sogno di viaggio più grande in assoluto. Ci sono tanti posti che rivedrei, tanti in cui andrei in certe stagioni dell’anno, tanti per i quali partirei anche domani. Sono sogni facili da realizzare? Visti i “problemi” di cui ti parlavo qualche riga fa… direi proprio di no. Ma non importa: i sogni sono fatti per essere sognati, e quel che sarà sarà!

Ecco le destinazioni che mi sento di elencare, tra Italia, Europa e mondo.

Italia

Dopo un 2017 quasi interamente all’estero, nel 2018 avrei voluta vederne molta di più… e, anche per l’anno che viene, la voglia di scoprire il mio Belpaese non mi passa, proprio per niente. Ci sono tante grandi città che non ho ancora mai visto, così come piccoli borghi medievali che sarebbero la gioia della mia macchina fotografica, o zone storico-geografiche da scoprire con lentezza.

Padova

Se dovessi scegliere una sola città italiana da visitare per bene in questo 2019, direi Padova. Perché mi sembra che abbia tutto quello che cerco in questo momento: una città pacifica, non troppo grande, piena di riferimenti storici e culturali da restare a bocca aperta, ricca di quella street art che piace tanto a me… e dove sono sicura che si mangi benissimo!

Mi piacerebbe andarci in treno per un piccolo viaggio comodo ed economico; se dovessi andarci in macchina, non mi lamenterei: nei dintorni, tra la provincia di Padova e quelle di Vicenza e Treviso, ci sono le meravigliose Ville Palladiane… non serve dirti che le visiterei tutte, vero?

La Costiera Amalfitana

La prima e l’ultima volta che ho camminato per quei sentieri –  quelli di uno dei luoghi più belli del mondo, ammirato dai turisti provenienti da ogni angolo del globo – ero una ragazzina, forse neanche adolescente. È passato troppo tempo, e mi piacerebbe poter tornare e (ri)vedere tutto, tutti i singoli comuni della costa, dalla A di Amalfi alla V di Vietri sul Mare.

Tra i limoni, le sfogliatelle, le ceramiche e i mini fiordi, i camminamenti lungomare e la colatura di alici, le chiese e i belvedere, le ville e l’aria salmastra, le buganvillee viola e il cielo blu. Sarebbe un viaggio all’insegna della spensieratezza, quella cosa che vorrei perseguire sempre!

Il Monferrato

La mia vocazione di foodie travel blogger fa sollevare nuovi desideri: quelli che mi permetterebbero di scoprire le zone italiane che sono diventate famose per la loro eccellenza enologica e gastronomica. Nel Monferrato andrei a piedi e in bicicletta: mi ci vedo già, a gironzolare tra i filari e poi a fermarmi nelle cantine, a studiare i sentori senza capirli davvero ma apprezzandoli comunque al massimo. Mangerei un sacco, ovviamente, perché la cucina regionale piemontese mi fa impazzire; e poi visiterei le città, i borghi, i castelli.

Credo che questo, tra i Travel Dreams 2019, mi piacerebbe davvero molto!

Europa

Quest’anno, tra le destinazioni europee io sono principalmente attratta da luoghi un po’ defilati, di quelli non sempre facilissimi da raggiungere con un volo low cost, di quelli da percorrere con un’auto e i piedi.

Le Cotswolds

Mi ritrovo spesso a inserire la Gran Bretagna nei miei sogni di viaggio, e le Cotswolds Hills sono sicuramente il più grande tra i miei Travel Dreams 2019. Queste colline verdissime, che si estendono in sei diverse contee inglesi, mi fanno veramente impazzire; e ancora di più mi fanno impazzire i villaggi, con quelle casette di pietra che sicuramente sono nate in una favola.

Vorrei passeggiare per queste strade, prendere un tè caldo in una sala da tè tradizionale, muovermi tra il sacro e il profano da un’abbazia a una distilleria… Non sono una persona particolarmente romantica, ma alle Cotswolds potrei davvero diventarlo! 🙂

Estonia

Conosco una ragazza che adesso abita a Londra e ha abitato per parecchio tempo in Nuova Zelanda, ma il cui Paese d’origine è l’Estonia. Sono rimasta affascinata dai suoi racconti e mi è venuta una gran voglia di visitare questo Paese: le vibrazioni moderne di una città come Tallinn, i parchi nazionali e quel 45% di territorio composto da foreste, le isolette, le chiese ortodosse e luterane, il pane nero con le sardine del Mar Baltico…

Lo immagino come un Paese molto attaccato alla propria storia e alle proprie tradizioni, nel bene e nel male, ma anche proiettato al futuro e all’innovazione: l’Estonia è tra i primi Paesi europei in termini di libertà economica, e qui il settore dei servizi e delle telecomunicazioni è in costante sviluppo. Mi piacerebbe poter andare a toccare con mano questa dicotomia!

Macedonia

La Penisola Balcanica mi interessa tutta e da ormai qualche anno. Tra i miei Travel Dreams 2019 inserisco la Macedonia perché, tra tutti i Paesi di questa zona d’Europa, è quello che forse mi piacerebbe vedere di più, o almeno per primo. In questo caso, le caratteristiche che mi affascinano di più sono i rapporti tra le diverse etnie, e anche i paesaggi, che sembrano essere davvero eccezionali!

Come l’anno scorso avevo parlato dell’Abruzzo, quest’anno lo dico della Macedonia: credo sia sempre bello avere, tra i propri sogni di viaggio, una regione o un Paese di cui, semplicemente, non si sa assolutamente niente. Sognare di poter visitare luoghi a noi sconosciuti – in termini storici, geografici e culturali – fa schizzare la curiosità a livelli mai visti, e la mia curiosità per la Macedonia (e per tutti i Balcani) è massima!

Mondo

Il mondo è così grande che, se mi metto a pensare a dove vorrei andare, la mia mente rimbalza da un punto all’altro del planisfero come una pallina da flipper. Andrei ovunque: l’Asia ancora non mi fa battere il cuore, ma inizia a bussare lievemente alla porta della mia curiosità. Il Sud America è il continente con cui mi sento più in sintonia da sempre, ma che ancora non sono riuscita a visitare. E poi… e poi c’è davvero tutto un mondo da scoprire. Ma se dovessi scegliere solo tre mete…

New York

New York, New York, New York: tutti la amano, tutti la bramano, tutti la sognano. Ma cos’avrà mai di così speciale, questa città?

Io non lo so. So che la mia generazione è cresciuta a pane e immaginario newyorchese, e che questo immaginario deve essere soddisfatto, in qualche modo, deve trasformarsi in realtà. E io ci ho provato: sono stata a New York due volte (e mezzo), in stagioni diverse e con compagnie e consapevolezze diverse. Ma ancora la voglia di scoprirla non si esaurisce: perché New York è viva per davvero, è un essere vivente che cresce, che cambia, con i suoi capricci e i suoi sogni e le sue ambizioni.

Tutte queste cose io le vorrei vivere ancora una volta; e visto che la mia prima volta a New York è stata proprio nel 2009 (e proprio nel periodo natalizio!), tornarci quest’anno sarebbe proprio un anniversario coi fiocchi…

New England

Il mondo è così grande, e ben due dei miei Travel Dreams 2019 del mondo si trovano negli Stati Uniti? Eh sì, quest’anno va così. Non che io sia una di quelle fan enormi e sfegatati degli USA; ma che ci posso fare se uno degli autunni più belli del mondo si trova proprio qui? L’autunno è una stagione che io amo immensamente, sia come colori sia come periodo ideale di viaggio (se mi hai seguito in quest’ultimo mese sul mio profilo Instagram, te ne sarai sicuramente accorto), e il New England è un vero e proprio sogno, di quelli tradizionali, per me.

Non credo che riuscirò ad andarci a breve, ma non si sa mai: sarebbe un viaggio di quelli “maturi”, da vivere con calma per fare il pieno di una bellezza davvero senza tempo.

Tel Aviv

Una delle città gemellate con la mia amata Milano, credo che Tel Aviv condivida con lei la stessa intraprendenza, lo stesso spirito orientato al progresso e alla crescita. Quello che so di Tel Aviv mi parla di una città moderna, tra le spiagge attrezzate circondate dai grattacieli e i quartieri più storici, con i musei e i monumenti che raccontano di una città e di un Paese certamente non facili, ma ricchi di storie da raccontare.

Mi piacerebbe poter visitare questa città per capire come ci si viva, immersi in una cultura che, con la mia, ha allo stesso tempo molti punti in comune e molti punti di diversità.


Quali sono i tuoi Travel Dreams 2019? C’è qualche meta tra quelle scelte da me che ti piacerebbe visitare? Hai già qualche bel viaggio in progetto per l’anno che sta per arrivare? Raccontamelo con un commento! 🙂