Belle le spiagge, belli i panorami, bello tutto… ma di quest’isola ci sono dei volti che, forse, non hai ancora visto. Ecco la mia Fuerteventura insolita preferita!

Fuerteventura insolita

Furteventura insolita: quell’isola un po’ diversa dalle sue meravigliose spiagge, riconosciute da molti come tra le più belle d’Europa. Un po’ diversa anche dai suoi paesaggi dell’interno, dai profili aridi ma dolcissimi. Un po’ diversa dai mulini, dai ristorantini sul mare, dai negozietti di souvenir, dai fari, dalle dune. La Fuerteventura insolita che ho avuto la fortuna di scoprire è quella della gente majorera, di quelli che abitano l’isola da sempre e la amano coltivandola e proteggendola; è quella della gente creativa, tradizionale, accogliente, quella che ti porge dalle mani un alimento del posto fresco, genuino, buonissimo.

Ho trascorso una giornata partecipando a un food tour in giro per la parte centrale di Fuerteventura, e qui vorrei raccontarti delle cose che ho visto e che ho assaggiato, delle persone che ho conosciuto, dei volti dell’isola a cui non avevo mai pensato. Sono sicura che piaceranno tanto anche a te 🙂

Leggi qui anche

I miei consigli per organizzare un viaggio a Fuerteventura
L’itinerario della parte nord di Fuerteventura
L’itinerario della parte centrale di Fuerteventura
L’itinerario della parte sud di Fuerteventura

Scoprire Fuerteventura attraverso il cibo con NaTOURal Adventure

Ho scoperto Damiano e la sua attività turistica NaTOURal Adventure un po’ per caso, ma sono rimasta subito entusiasta dei tipi di tour che propone nel suo sito: tour con pochi partecipanti, a contatto con la natura e con le strade meno battute dell’isola; insomma, una Fuerteventura insolita e tanto stimolante. Gli ho scritto subito e sono stata davvero fortunatissima a poter partecipare a uno dei suoi tour che più mi stuzzicavano: il Degustando Fuerteventura, definito sul sito come “Un’esperienza gastro-culturale, dove scoprirai Fuerteventura attraverso i suoi sapori e la sua storia”.

Fuerteventura insolita

Ecco, sembrava fatto apposta per me! E così siamo partiti, uno dei primissimi giorni in cui ci trovavamo sull’isola: sul suo minivan verde ci ha scarrozzati tutto il giorno, portandoci da una tappa all’altra del suo tour. Qui di seguito ti racconto subito i tre luoghi stupendi che ho scoperto ma, [spoiler]: questo tour è stato molto di più, e ti racconto perché in fondo al post 🙂

La Fuerteventura creativa: EcoCentro Morales

Alexis Morales, nella vita, faceva tutt’altro; ma poi sembra essersi trovato nel suo mondo quando ha iniziato a gestire il suo EcoCentro Morales, una bella casa nella campagna isolana con la serra, gli orti e gli animali nella località di Llanos Pelados (a meno di 8km da Puerto del Rosario). Siamo arrivati qui in tarda mattinata, dopo una bella colazione insieme a Damiano, ed è qui che ho scoperto una Fuerteventura insolita perché estremamente creativa: Alexis tira fuori non solo il buono, ma anche il bello, il divertente e il sorprendente dalla frutta, della verdura e dei fiori.

Prima di tutto siamo entrati nella piccola serra dove Alexis coltiva diverse varietà di peperoncini di intensità diverse; alcuni non li avevo mai visti! Nella stessa serra ci sono anche quelli che, forse, sono il pezzo forte dell’EcoCentro di Alexis: i fiori eduli. Ci sono le rose, la calendula, la borragine, il nasturzio e altri fiori commestibili davvero sorprendenti, belli ma anche nutritivi (Alexis ha definito alcuni di essi “antibiotici naturali”).

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

Il più incredibile, per noi, è stato il Fiore Elettrico Sechuan Button, un fiorellino giallo dalla forma rotonda. Davvero, non riesco a spiegarti la sensazione stranissima una volta messo in bocca! Arriva subito un gusto acido e, immediatamente, le ghiandole salivari iniziano a produrre saliva in grande quantità; poi arriva la sensazione analgesica e anestetica, davvero stranissima. Non so come mi comporterei se lo trovassi nel piatto di un ristorante ma, di sicuro, è ottimo per anestetizzare la bocca dai peperoncini più impossibili!

Fuerteventura insolita

Dopo aver brevemente visitato le altre serre, dove abbiamo assaggiato anche delle foglioline di cactus davvero particolari, siamo entrati nella stanza che Alexis aveva preparato per noi: un bellissimo tavolo con tutti i prodotti che vengono venduti nella sua tenuta. Una meravigliosa tavolozza di colori e di creatività! Ci sono i fiori commestibili che rendono gustosa e colorata una semplice insalata, ma anche il fior di sale al naturale oppure aromatizzato (al basilico, origano, zafferano, ibisco, carrube…), la polvere di fiori per decorare i piatti, le mousse e le marmellate… che abbondanza!!

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

Una delle cose che ho apprezzato di più è stata la marmellata al tuno indio, il frutto del cactus che, però, è un po’ diverso dal normale fico d’India. Entrambi sono superfrutti, hanno alte concentrazioni di potassio, vitamina E e K, calcio e magnesio; è un frutto anche molto buono e, per me… bello!

Fuerteventura insolita

I prodotti dell’EcoCentro Morales rispondono alla sempre maggiore esigenza di mangiare in modo più creativo e insolito, a casa come nei ristoranti di tutto il mondo. Senza dimenticare la crescente tendenza al biologico: Alexis ha ottenuto dal Governo Canario la certificazione per la coltivazione ecologica di fiori e ortaggi.

Fuerteventura insolita

La Fuerteventura tradizionale: Finca Cuadras de la Solana

È stata poi la volta di una Fuerteventura insolita nella sua essenziale tradizionalità: il formaggio di capra, che tutti assaggiano nei ristoranti ma che quasi nessuno va a trovare dove nasce, nei caseifici di campagna. E qui siamo davvero in mezzo al nulla, lungo la strada solitaria che va da Triquivijate a Los Alares; sicuramente neanche io avrei saputo dove cercare, se non ci fosse stato Damiano a guidarci.

Fuerteventura insolita

Il bello di questo posto è che è insolito proprio perché estremamente tradizionale: questo, infatti, è l’unico caseificio di Fuerteventura dove le forme di formaggio vengono ancora preparate sul bancone di legno, come una volta. Da tempo il legno è stato bandito per una questione igienica, ma Iluminada e José Antonio di Cuadras de la Solana hanno ottenuto l’autorizzazione a utilizzare il materiale tradizionale a patto di seguire regole molto rigide in fatto di igiene alimentare. Così, la finca a conduzione familiare produce dell’ottimo formaggio di capra, l’alimento forse più tipico delle Isole Canarie, partendo dall’allevamento delle capre e la raccolta del latte, fino alla commercializzazione.

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

All’interno della piccola tenuta abbiamo fatto due chiacchiere con i membri della famiglia, abbiamo assistito in diretta alla mungitura e alla produzione delle forme; poi siamo usciti a fare un saluto alle caprette e, ovviamente, abbiamo assaggiato il formaggio! C’è quello classico, più o meno stagionato, oppure quelli aromatizzati (al tuno indio, alla cannella, al peperoncino e così via). Non importa dirti che li ho amati, vero?

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

Se anche tu vai pazzo per i formaggi e per le tecniche di produzione alimentare tradizionali come me, allora mi sa che questo posto ti piacerà 🙂

La Fuerteventura accogliente: Agriturismo La Gayría

Nel primo pomeriggio Damiano ci ha accompagnato in questo posto stupendo, un po’ fuori dal tempo, che esprime una Fuerteventura insolita nella sua accoglienza: l’Agriturismo La Gayría, nei pressi del paese di Tiscamanita. Era l’ora della siesta è questo posto, credimi, è davvero perfetto per il relax: la grande tettoia sotto cui ripararsi dal sole, le sedute fatte con i tronchi di vecchie palme, la quiete interrotta dal canto degli uccellini, gli insetti silenziosi che si danno da fare tra le fronde degli alberi da frutto. Mi è sembrato tutto così idilliaco!

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

L’agriturismo è un casolare con un bell’appezzamento di terreno, per un totale di 5.000 metri quadri di tenuta; nell’ex casa signorile, risalente al XVIII secolo, si trovano tre appartamenti-vacanze in case rurali, e gli ospiti non solo possono godere di questa bellezza e di questa quiete, della piscina di acqua salata, del barbecue e delle amache che dondolano al fresco del patio tradizionale; ma, facendo La Gayría parte del circuito del turismo rurale, possono anche partecipare attivamente alle attività della tenuta, come raccogliere le uova o dar da mangiare agli asini. In poche parole: so già dove alloggerò la prossima volta che verrò a Fuerteventura 🙂

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

Noi siamo venuti qui per incontrare Pepe Santana, il proprietario de La Gayría, che ci ha raccontato un po’ di come questo posto è nato e di ciò che può offrire ai turisti che vengono in visita. Abbiamo dato un’occhiata alla vigna e poi siamo scesi nella cantina sotterranea, costruita proprio dentro alla collina su cui crescono le viti. Abbiamo assaggiato dell’ottimo vino e anche i liquori qui prodotti: il mio preferito, manco a dirlo, è stato quello al tuno indio! E poi l’olio d’oliva e i pomodori tipici di Fuerteventura, dal sapore freschissimo.

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

Fuerteventura insolita

Davvero un posto speciale: mi ha ricordato gli agriturismi pieni di quiete e fascino dentro cui sono cresciuta nelle domeniche d’estate nella mia Toscana. Un posto semplice e prezioso!

Fuerteventura insolita

Con Damiano e Pepe

La mia Fuerteventura insolita con NaTOURal Adventure: ecco perché l’ho amata

Ormai sto diventando una grande, grandissima amante dei tour organizzati piccoli e intimi, quelli dove ci sono dei programmi ben precisi che, però, possono essere anche un po’ personalizzati. Mi era capitato per il wine tour a Lanzarote e mi è capitato anche in questo caso, con Damiano: ufficialmente il tour dura 4 ore, ma ci siamo ritrovati a chiacchierare per un periodo di tempo molto più lungo. Siamo finiti a pranzo insieme e abbiamo avuto modo di chiacchierare di mille argomenti diversi, partendo dal nucleo del tour per terminare a temi sconnessi e lontanissimi, ma tutti interessanti e più o meno legati alle tante sfaccettature di quest’isola. Penso sempre che partecipare a tour come questi abbia senso solo se chi lo organizza è una persona del posto, ma no, non deve essere per forza così: Damiano è italiano, ma vive a Fuerteventura da 10 anni e il suo accento italo-spagnolo ti farà sorridere; fa parte del nostro Paese e comprende le nostre aspettative ma, allo stesso tempo, conosce Fuerteventura come i palmi delle sue mani, conosce la sua storia e la sua cultura, le bellezze e le brutture, i meccanismi del turismo e i luoghi più segreti; soprattutto, questa isola la ama.

Cosa posso dire, allora? Come si fa a non apprezzare al 100% una giornata trascorsa con una persona così competente e appassionata, andando alla scoperta del buon cibo, dei tesori nascosti e della gente bella di una Fuerteventura insolita e stupenda?


INFO UTILI:

NaTOURal Adventure: Damiano propone una bella varietà di tour; trekking, MTB, gastronomia, astronomia, percorsi naturalistici… c’è davvero qualcosa per tutti! I tour hanno diverse difficoltà e si svolgono in diverse zone dell’isola. Trovi tutti i tour con le relative informazioni e i relativi costi sul sito web. Altrimenti scrivi a Damiano: sono sicura che ti risponderà con piacere 🙂

Contatti: visita il sito di NaTOURal Adventure. Puoi metterti in contatto con Damiano tramite l’indirizzo email info@natouraladventure.com oppure tramite la pagina Facebook.

Un piccolo regalino per te:

Menzionando il codice ILLBRIGHTBACK in fase di prenotazione, avrai diritto al 10% di sconto su tutte le attività di NaTOURal Adventure!


Cosa pensi di questa Fuerteventura insolita che ho scoperto con NaTOURal Adventure? Hai mai visitato questi posti o assaggiato queste specialità? Quali luoghi particolari di Fuerteventura conosci? Raccontamelo con un commento 🙂

 

Post in collaborazione con NaTOURal Adventure