Un giorno alla scoperta dei paesaggi mozzafiato e dei colori sgargianti del Nelson Lakes National Park, nell’isola sud della Nuova Zelanda.

Nelson Lakes National ParkOggi torno a parlare di Nuova Zelanda! Vorrei parlarne molto di più, ma purtroppo non è che ne abbiamo vista ancora molta…anche se sono sicura che recupereremo in futuro 🙂

Qualche settimana fa, a settembre, abbiamo trascorso una bellissima giornata al Nelson Lakes National Park, uno dei (ben) 3 parchi nazionali del Distretto di Nelson, nella parte nord dell’isola sud. Dopo il weekend a Hanmer Springs e dintorni, un’altra bella giornata all’insegna della natura più pura della Nuova Zelanda ci voleva proprio…e poi abbiamo anche beccato una giornata incredibile, senza neanche una nuvoletta in cielo!

Nelson Lakes National Park

Nelson Lakes National Park

Nelson Lakes National Park: luoghi e leggende

Allora, come ti dicevo l’area di Nelson conta 3 parchi nazionali, e il Nelson Lakes National Park si trova più a sud, quindi nell’entroterra. L’isola sud della Nuova Zelanda è tagliata a metà longitudinalmente da una catena montuosa chiamata Southern Alps, e il parco nazionale di cui ti parlo si trova alla sua estremità nord.

Nelson Lakes National Park

Verso il parco

Secondo la mitologia Maori, i laghi furono creati dal grande capo Rakaihaitu che un bel giorno si mise a fare buchi nel terreno con la sua pala. Un buco è Rotoroa (grandi acque), l’altro è Rotoiti (piccole acque).

Nelson Lakes National Park

Cosa puoi trovare al Nelson Lakes National Park

Istituito nel 1956, il Nelson Lakes National Park è l’insieme di alcune grandi vallate (Travers, Sabine e D’Urville) di origine glaciale, e si estende per oltre 100 ettari intorno a due laghi alpini principali, Rotoiti e Rotoroa. Qui ci sono paesaggi naturali davvero mozzafiato: il blu acceso dei laghi, i boschi di faggi che hanno un profumo tutto particolare, prati verdi solcati da ruscelli, lo sfondo delle montagne con le punte innevate e costituite da Greywacke, la pietra di cui gran parte delle montagne neozelandesi sono fatte. Poi, a cavallo tra inverno e primavera, abbiamo anche trovato gli ultimi residui di neve sui sentieri, per un’atmosfera ancora più magica!

Nelson Lakes National Park

Nelson Lakes National Park

Questo parco mi ha colpito soprattutto per la grande pace, la tranquillità e la serenità che i suoi paesaggi mi hanno trasmesso. Il parco è molto frequentato e, anche fuori stagione, non è stato difficile incontrare moltissime persone, moltissime famiglie con bambini, tante barche sullo specchio d’acqua e tanti camminatori sui sentieri. Ma, nonostante questo, non si perde la magia del silenzio, della natura che sembra parlarti una lingua tutta sua, dell’immensità di un paesaggio senza tempo.

Nelson Lakes National Park

Cosa fare al Nelson Lakes National Park

All’interno del parco nazionale si possono svolgere varie attività all’aria aperta. Ad esempio, si può sciare in inverno, lungo Robert Ridge o nella Rainbow Ski Area. Si può praticare la caccia (di cervi rossi e camosci), previa autorizzazione, oppure dedicarsi a mountain biking, arrampicata, pesca delle trote, nuoto (tutti i laghi sono balneabili), bird watching o gite in 4X4. Gli sport d’acqua, poi, vanno davvero per la maggiore qui, come un po’ in tutta la Nuova Zelanda, del resto; se vuoi provare canoa o kayak, il Nelson Lakes National Park è il posto giusto!

Nelson Lakes National Park

Nelson Lakes National Park

Camminare al Nelson Lakes National Park

Ma l’attività più popolare e, secondo me, più suggestiva qui al parco è…camminare: praticamente al Nelson Lakes National Park ci vai per quello. Camminando lungo i vari sentieri, si possono scoprire infiniti angoli del parco e infiniti scorci dei laghi e dei paesaggi circostanti.

Nelson Lakes National Park

I sentieri per le camminate o per il tramping (questo è il nome che i neozelandesi danno al trekking…valli a capire) sono moltissimi e adatti a qualsiasi livello. Al centro informazioni presso St Arnaud o sul sito ufficiale del Department of Conservation (a cui è affidata la conservazione del parco) si possono trovare brochure e cartine dettagliate con tutti i percorsi possibili.

Nelson Lakes National Park

Il mini museo al Centro Informazioni

Noi abbiamo provato sentieri semplici e medi, facilmente raggiungibili in auto e, soprattutto, non troppo lunghi, perché avevamo un giorno solo a disposizione. Però esistono anche sentieri più difficili e molto lunghi, da compiere zaino in spalla per 2, 3, 5 giorni o più, come il Lake Angelus Loop (24km), il Travers-Sabine Circuit (80km) o il Te Araroa (113km).

Nelson Lakes National Park

Noi abbiamo visto il lago Rotoroa solo di passaggio, mentre abbiamo fatto delle bellissime camminate intorno al Rotoiti. Mi è piaciuta molto il Brunner Peninsula Nature Walk, proprio al livello del lago, per ammirarlo da vicino e lasciarsi sopraffare dall’imponenza delle montagne circostanti; ma la mia camminata preferita è stata quella su lungo il versante del Mount Robert. A un certo punto del sentiero ci siamo imbattuti nei resti di una frana, un mare di sassi grigi in netto contrasto con il blu del lago sotto di noi. È stata un’immagine incredibile, di bellezza ma soprattutto di consapevolezza della potenza della natura, quando ci si mette.

Nelson Lakes National Park

La vista di Rotoiti dalla frana

Nelson Lakes National Park

In cima al Mount Robert c’è anche un punto panoramico, imperdibile e bellissimo (milioni di sandflies, che son cosini simili a zanzare, a parte).

Nelson Lakes National Park

Rotoiti Nature Recovery Project

Questo è uno dei tanti progetti che il Department of Conservation  neozelandese porta avanti per proteggere l’ecosistema autoctono.

Nelson Lakes National Park

Il progetto si estende sulla foresta intorno al parco, di oltre 5.000 ettari, e ha l’obiettivo di ridurre la presenza di animali infestanti e nocivi (ermellini, opossum, vespe, donnole, furetti, topi, ratti…), che purtroppo furono introdotti in Nuova Zelanda ma che non le appartengono, anzi: distruggono e infestano la flora e la fauna locale, tanto che molti uccelli e piccoli animali tipici neozelandesi si sono quasi estinti. Con questo progetto si spera che alcuni possano essere reintrodotti!

Nelson Lakes National Park


Spero di averti dato anche solo un assaggio della potenza della natura neozelandese, di questi paesaggi perfetti e senza fine. E, come al solito, più ne vedo e più vorrei vederne: non vedo l’ora di farmi una bella scorpacciata di paesaggi kiwi!! 🙂

Nelson Lakes National Park


INFO UTILI

Come arrivare: la località da raggiungere per visitare il Nelson Lakes National Park è St Arnaud, un minuscolo paesino con qualche hotel, bar e servizio per i turisti. Ci sono servizi di autobus e navette per St Arnaud partendo da Nelson, Blenheim e Picton. Raggiungere St Arnaud da Nelson in auto è comunque molto semplice: basta percorrere la SH6 e poi imboccare la SH63 a Kawatiri. Per Rotoroa, invece, bisogna proseguire sulla SH6 fino a Gowan Bridge e lì prendere la strada a sinistra.
Come muoversi: in entrambi i laghi principali è a disposizione un servizio di water taxi, per spostarsi da una parte all’altra del lago e per raggiungere sentieri difficilmente raggiungibili a piedi o in auto. In gran parte del parco ci si può comunque spostare tranquillamente in auto.
Punto informazioni: il centro informazioni del DOC si trova a St. Arnaud, in Kerr Bay Road. È aperto tutti i giorni (tranne a Natale) dalle 08.00 alle 16.30 in estate, dalle 09.00 alle 16.00 in inverno. Qui si possono lasciare i bagagli, chiedere informazioni, accedere a qualsiasi tipo di brochure e consiglio utile, scoprire qualcosa in più sulla geologia, la storia, la flora e la fauna del parco.
Ingresso e orari: il parco è accessibile a qualsiasi orario e gratuitamente.
Dove dormire: il Department of Conservation mette a disposizione varie capanne o rifugi sparsi per tutto il parco nazionale; alcuni sono accessoriati, altri no. Per dormire in questi rifugi, è necessario richiedere dei pass al centro informazioni. Inoltre, ci sono vari hotel, ostelli e due campeggi (West Bay e Kerr Bay) a St Arnaud, mentre a Rotoroa ci sono dei campeggi e una sorta di residence.
Per maggiori info: su questo sito puoi trovare alcune brochure con approfondimenti e consigli utili.


Tu sei mai stato in Nuova Zelanda? Hai visitato il Nelson Lakes National Park, oppure parchi simili in altri luoghi del mondo? Raccontamelo nei commenti! 🙂