Alla scoperta del Carnevale di Nizza! Breve storia e tante foto sui due eventi principali: la Battaglia dei Fiori e la Sfilata dei Carri illuminata.

Carnevale di Nizza

Non sono una grandissima amante del carnevale, e sinceramente era da moltissimo tempo che non mi recavo da qualche parte con il preciso scopo di partecipare ai festeggiamenti carnevaleschi. Poi però, un mesetto fa, ho casualmente scoperto l’esistenza del Carnevale di Nizza: ho visto qualche foto, ho letto qualche riga, ed è venuto fuori che si tratta di uno dei più grandiosi e popolari carnevali in Europa e nel mondo. Incredibile quante e quante cose si possono scoprire nella vita, a volte per puro caso!

Così, una piccola lampadina in testa si è trasformata in un viaggio concreto nel giro di qualche giorno: prenotiamo appartamento, parcheggio e biglietti del carnevale online, e si parte! Siamo partiti sabato mattina e tornati lunedì sera, dedicando la giornata di sabato al carnevale e quella di domenica alla città. Avevamo programmato di fermarci il lunedì a Montecarlo, ma poi il tempo ha fatto schifo e quindi ci abbiamo trascorso solo un’oretta.

Breve storia del Carnaval de Nice

Ma parliamo del carnevale. A Nizza, le celebrazioni di questo grande evento avvengono in febbraio e si protraggono per circa 15 giorni (di cui 3 weekend) , durante i quali si susseguono feste, sfilate ed eventi di tutti i tipi. Anche se io non lo conoscevo (così come moltissima altra gente), il Carnaval de Nice ha alle spalle una tradizione molto lunga: si dice, infatti, che la prima testimonianza di questa celebrazione risalga al 1294, anno in cui il conte di Provenza, Carlo d’Angiò, scrisse di aver trascorso “i giorni allegri del carnevale” proprio a Nizza. Per secoli, a Nizza il carnevale si svolse con feste e scorribande esagerate, cortei e balli in maschera e, fondamentalmente, un sacco di casino. Bisogna aspettare la seconda metà del 1800 per vedere i primi carri sfilare e la nascita di Triboulet, il Re del Carnevale di Nizza, comparso per la prima volta nel 1882.

Da ormai qualche decennio, il Carnevale di Nizza vanta la collaborazione di artisti ed esperti per la realizzazione di bellissimi carri, creati in modo originale ma nel rispetto delle antiche tradizioni. I carnavaliers, gli artisti dei carri, usano materiali plastici e colori sgargianti, dando vita a vere e proprie opere d’arte a cui lavorano praticamente 12 mesi all’anno.

Nonostante il periodo del carnevale sia costellato da moltissimi eventi (tra i quali il bagno in mare…a fine febbraio…bravi loro!), sono due gli avvenimenti principali di queste celebrazioni. Ho avuto la fortuna di assistere a entrambi, e adesso te li racconto.

Bataille de Fleurs (la Battaglia dei Fiori)

Da un semplice evento creato nel 1876 dal nizzardo Andriot Saëtone, durante il quale le persone si scambiavano dei fiori “in modo civile”, oggi la Battaglia dei Fiori è un evento eccezionale, allegro, colorato e festaiolo. Immaginati migliaia di persone in tribuna o in piedi alle transenne, e grandissima parte della Promenade des Anglais invasa da un migliaio di artisti e ballerini provenienti da tutto il mondo, vestiti in modo eccentrico e scatenatissimi. Ai vari gruppi di artisti (quest’anno, tra i tanti altri, c’erano ballerine brasiliane, ragazze sui trampoli, ballerine hawaiane, gonfiabili giganteschi, ragazzi vestiti da cavalli e altri con degli strani alieni addosso, cose assurde) si alternano 20 bellissimi carri, non molto grandi ma pieni zeppi di fiori colorati e profumati. Su ognuno, ragazze vestite in modo stravagante prendono i fiori e li lanciano al pubblico. Tutti sono felici di prendere dei fiori, i bambini impazziscono dalla gioia. E io (emotiva di m. quale sono) mi commuovo alla scena di una ragazza sorridente e allegra che dona dei bellissimi fiori a degli sconosciuti. È un gesto semplice che, seppur estremizzato in un evento come questo, mi dà una serenità immediata.

Carnevale di Nizza

Questa storia dei fiori è grossa. I fiori vengono piantati mesi prima per assicurarne una quantità sufficiente, e recisi solo poche ore prima della sfilata per garantire la massima freschezza. Si tratta soprattutto di mimose, la pianta simbolo della città, ma anche rose, garofani, camelie e molti altri. Più dell’85% di questi fiori sono a km 0, infatti provengono dalla Costa Azzurra, valorizzandone quindi l’importanza.

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Corso carnavalesque illuminé (la Sfilata dei Carri illuminata)

Ogni anno, il Carnevale di Nizza segue un tema diverso; quello del 2016 era il Re dei Media (come i mezzi di comunicazioni influenzano la nostra vita, in modo utile a volte, in modo ridicolo ed esagerato molte altre volte). La sfilata dei carri prevede 18 carri meravigliosi, alti dagli 8 ai 16 metri e decorati in ogni minimo dettaglio, che raccontano un particolare aspetto del tema scelto. Quest’anno, ad esempio, c’erano carri chiamati “Média Thor”, “Money maker”, “Big Brother”, “Weapon of mass distraction”, “The 3 monkeys”, e cose del genere. Le sfilate avvengono più volte nel corso delle celebrazioni, sia di giorno che di sera. Avendo visto di giorno la Battaglia dei Fiori, noi abbiamo deciso di vedere la Sfilata dei Carri illuminata, cioè di notte. Credo sia stata un’ottima scelta perché l’atmosfera è davvero unica e si sente ancora di più il clima di festa!

Carri addobbati, automatizzati, super colorati e illuminati, alternati ai soliti gruppi di artisti e ballerini instancabili. Mi chiedo ancora come abbiano passato la notte quelle ballerine vestite praticamente in costume e sui tacchi per due ore…ma andiamo oltre.

Carnevale di Nizza

Place Massena in festa

Place Massena, il cuore pulsante della città (e tra l’altro una piazza meravigliosa) è il teatro della sfilata: invasa di gente, coriandoli, stelle filanti e -purtroppo- tanta schiuma, si accende di mille colorimusica da discoteca, e i carri iniziano la sfilata. Che dire? Il divertimento è assicurato: è impossibile non fare centinaia di fotografie, sorridere a ogni artista che incrocia il tuo sguardo, meravigliarsi di fronte ai carri e mettersi a ballare. L’entusiasmo è contagioso! I coriandoli che ti ritrovi addosso quando torni i casa pure!

Carnevale di Nizza

Le Roi de Médias

Carnevale di Nizza

Anonymous Ship

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Li Ficanassiera de Mado

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Webmonster (uno dei miei preferiti)

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Big Brother

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Mèdia Thor

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Carnevale di Nizza

Arme de Distraction Massive

Carnevale di Nizza

L’Enfant Connecté

Carnevale di Nizza


Ecco, quindi, sono contenta di aver partecipato a questo grande evento. Mi ha dato tanta allegria, nonostante la stanchezza di stare in piedi per ore e il sole cocente del giorno (che forse è più una fortuna dai). Mi è piaciuto anche visitare la città in questo periodo: è affollata sì, ma non fino a scoppiare, e l’atmosfera che si respira in questo periodo credo sia unica! Queste nel post sono solo alcune delle centinaia di foto che ho fatto a carri, mascheroni, ballerini, artisti, musicisti, sbandieratori, majorette, “disturbatori” e quant’altro… bisogna andarci per vedere proprio tutto tutto 🙂

Grazie a questa giornata, magari da ora in poi proverò un po’ meno astio nei confronti del carnevale in generale 🙂 (Astio dovuto all’odio che provo per la città di Viareggio, ma questa è tutta un’altra storia!)

Carnevale di Nizza


INFO UTILI

Gran parte delle informazioni storiche di questo post sono ricavate dal sito ufficiale del Carnevale di Nizza.
-Ingresso: qui si possono acquistare i biglietti online. Al 2016, sono disponibili due tipologie di biglietto (per entrambi gli eventi a cui ho partecipato): il semplice ingresso in piedi a 11€, il posto assegnato in tribuna a 26€. Noi abbiamo scelto il semplice ingresso: è stancante perché consigliano di entrare almeno un’ora prima e quindi si sta in piedi per parecchio tempo, però è forse più coinvolgente! Lo consiglio soprattutto per la Sfilata, più dinamica anche per il pubblico, mentre per la Battaglia la tribuna è da tenere in considerazione, soprattutto perché gli artisti fanno i loro pezzi migliori proprio lì di fronte.
Naturalmente i biglietti per il 2017 non sono ancora disponibili…ma tieni d’occhio il sito!
Come arrivare a Nizza: leggi l’articolo dedicato alla città.


Tu sei mai stato al Carnevale di Nizza? Ti è piaciuto? A quali altre grandi feste di carnevale hai partecipato? Raccontamelo nei commenti! 🙂