Castello di Miramare: una residenza d’epoca meravigliosa, con arredi originali, circondata dal parco e dal mare. A me è piaciuto tanto, qui te lo racconto!

Castello di Miramare

Oggi torno con la mente all’Italia e ti parlo di un piccolo gioiellino del nostro Paese e, più precisamente, della zona nord-est. Ti parlo del Castello di Miramare, poco fuori Trieste, che ho visitato qualche tempo fa, tornando a casa da Lubiana, ma che mi è rimasto impresso per la sua bellezza e per la sua posizione mozzafiato.

Castello di Miramare

L’acqua del Golfo di Trieste

Il castello di Miramare si trova sulla punta del promontorio di Grignano, uno sperone di roccia carsica proteso sul Golfo di Trieste, e dista circa 8 km dal capoluogo del Friuli-Venezia Giulia. Percorrendo la strada costiera, spunta all’improvviso alla vista, bianchissimo e in perfetto contrasto con l’azzurro del cielo e il turchese delle acque della baia.

Castello di Miramare

Credo sia una destinazione perfetta per trascorrere anche solo un mezzo pomeriggio alla scoperta della storia, ma pur sempre a contatto con la natura (il castello, infatti, è circondato dal rigoglioso e immenso Parco di Miramare).

Il Castello di Miramare: la sua storia in breve

Questo è uno di quei posti bellissimi che, riparati dietro le sue mura decorate, nasconde tragici destini, occupazioni e passaggi di mano.

Castello di Miramare

La costruzione del castello fu voluta dall’Arciduca Ferdinando Massimiliano d’Asburgo nella seconda metà dell’Ottocento (a partire dal 1855), come abitazione per sé e l’amata moglie Carlotta del Belgio. Il progetto fu affidato all’architetto viennese Carl Junker, mentre le decorazioni interne furono ad opera di Franz e Julius Hofmann. Il castello, in bianca pietra d’Istria, fu (quasi) completato nel 1860, ma i due vi abitarono solo 4 anni. Ferdinando, infatti, era intanto diventato Imperatore del Messico, Paese dove dovette recarsi nel 1964 e dove fu fucilato tre anni più tardi; la moglie Carlotta tornerà altre volte a Miramare, ma in uno stato di follia sempre più avanzata. Dopo la morte di Ferdinando, il fratello e Imperatore d’Austria Francesco Giuseppe, e soprattutto sua moglie (la mitica) Sissi, soggiornarono varie volte nel castello di Miramare, così come altri esponenti della famiglia asburgica.

Castello di Miramare

Dopo, un po’ di passaggi e confusione: il castello rimase all’Austria durante il primo confitto mondiale; passò poi all’amministrazione italiana nel 1925, e il duca Amedeo di Savoia Aosta vi abitò per sei anni, fino al 1937, modificando anche le decorazioni interne secondo lo stile dell’epoca. Durante la Seconda Guerra Mondiale, il castello di Miramare divenne la sede di una scuola per ufficiali nazisti, mentre in seguito fu casa delle truppe neozelandesi, poi britanniche, poi americane…nel 1954, finalmente il castello torna in mani italiane, e il museo viene inaugurato un anno dopo.

Castello di Miramare

Il Castello di Miramare oggi: la struttura e gli interni

Io vado pazza per le residenze d’epoca. Il lusso di per sé non m’interessa e non è cosa per me, ma mi piace ammirare il lusso, lo sfarzo più sfrenato di duchi, re e imperatori; mi piace soffermarmi su ogni singolo dettaglio, sui libri, i mobili sontuosi e completamente fuori moda, gli affreschi perfetti, i gioielli preziosi, i vasi orientali, gli stucchi e le cornici dorate.

Castello di Miramare

@ Italia Parchi

Ecco, qui al Castello di Miramare, gli affreschi, gli oggetti e il mobilio sono ancora quelli originari di oltre 160 anni fa, e quando ciò che stai guardando è l’originale, pezzi unici che si trovano esattamente dove dovrebbero stare, è ancora più bello.

Il castello in sé è molto bello, costruito in stile eclettico, cioè in un misto molto equilibrato tra gotico, medievale e rinascimentale. All’interno si trovano oltre 20 stanze bellissime, ammobiliate e decorate in ogni dettaglio. C’è l’incredibile Sala Novara, che ricrea la poppa della nave Novara con cui l’arciduca si spostava; c’è la Biblioteca, un vero e proprio scrigno di magia contenente oltre 7000 libri di moltissimi generi diversi; ci sono le grandiose Sala del Trono e Sala delle Udienze, emblemi dello sfarzo del Castello di Miramare, tutte rosse e oro. E poi ci sono anche le sale che il duca Amedeo di Savoia aveva modernizzato secondo lo stile razionalista del suo tempo.

Castello di Miramare

@ Turismo FVG

Castello di Miramare

@ atrieste.eu

Ok, le fotografie purtroppo erano severamente vietate e più di questo non posso farti vedere, ma…fidati. È una vera bellezza.

Il parco del Castello

Parte fondamentale del Castello di Miramare è l’omonimo parco, ampio ben 22 ettari e casa di decine e decine di specie diverse e provenienti da tutto il mondo. Si tratta di un patrimonio grandissimo, arrivato fino a noi grazie alla grande passione che l’Arciduca Ferdinando nutriva per la botanica; soprattutto, è incredibile come da uno sperone di roccia arida e quasi completamente priva di vegetazione, sia oggi possibile ammirare e passeggiare tra il verde di un parco così rigoglioso!

Castello di Miramare

Castello di Miramare

Castello di Miramare

Il parco è in parte giardino all’inglese, con boschi, sentieri e laghetti, e in parte giardino all’italiana, con le tipiche aiuole geometriche e abbellite da fiori colorati. Dappertutto potrai trovare sculture, gazebi, serre in vetro e ferro, e poi non perderti la piazzola con i cannoni e la piccola Cappella di San Canciano.

Castello di Miramare

Castello di Miramare

Castello di Miramare

Nell’area del parco, poi, sorge anche il Castelletto, dove Massimiliano e Carlotta abitavano prima della conclusione del castello. Qui è anche dove Carlotta fu praticamente internata dopo i primi segni di squilibrio e pazzia, e prima di essere riportata in Austria.


INFO UTILI

Come arrivare: da Trieste, si percorre il Viale Miramare (o Strada Costiera, o SS14), e si seguono svolta al destra al segnale “castello di Miramare” o “Grignano Mare”). In autobus: linee 1, 26  e51 dell’APT. In estate, è possibile raggiungere il castello anche via mare, partendo da Molo Audace, Barcola o Sistiana.
-Apertura: il castello e il parco sono aperti tutti i giorni tranne Natale e Capodanno. Il castello rimane aperto dalle 09.00 alle 19.00; il parco apre alle 08.00 e chiude in un orario che varia dalle 15.00 alle 19.00 in base alla stagione.
Ingresso: il parco è a ingresso gratuito. Il biglietto per visitare il castello, invece, ha un costo di 8€ (intero) o 5€ (ridotto, dai 18 ai 25 anni); gratuito fino a 18 anni. È anche possibile acquistare l’audioguida a un costo di 4€, o partecipare a visite guidate (come abbiamo fatto noi) con una maggiorazione di 5€ sul biglietto.
Prenotazioni: è possibile prenotare l’ingresso al castello di Miramare chiamando il numero 041-2770470.
Per maggiori informazioni: castello-miramare.it / castellomiramare.org


Tu sei mai stato al Castello di Miramare? Ti è piaciuto? Ti piace visitare le residenze d’epoca tanto quanto piace a me? Raccontamelo nei commenti! 🙂