Una piccola guida sulla Città Nuova di Praga, un quartiere elegante e vivace. Qui trovi la storia in breve e qualche consiglio su cosa vedere!

Città Nuova di Praga

Dopo quella della Città Vecchia, ritorno a parlare di Praga con una mini-guida alla storia e alle attrazioni della Città Nuova, un altro importante quartiere del centro culturale e sociale della capitale ceca. Niente vicoli e niente orologi astronomici, “solo” strade costellate di ristoranti ed esercizi commerciali, bellissime architetture e importanti attrazioni turistiche sulla riva destra della Moldava. Sei pronto a viaggiare per la Città Nuova di Praga (che, in realtà, ha oltre 650 anni)?

Nové Město: com’era, com’è

Il nominativo “Città Nuova” esiste in contrapposizione a una più antica città vecchia, ma non aspettarti un quartiere moderno e futuristico: il quartiere della Città Nuova di Praga, in realtà, fu fondato da Carlo IV nel 1348! Un tempo, il quartiere era principalmente destinato a mercanti ed artigiani, perché qui si tenevano i principali mercati della città: quello dei cavalli in Piazza San Venceslao, quello del bestiame in Piazza Carlo e quello del fieno in Piazza Senovazne.

Città Nuova di Praga

Oggi, naturalmente, il quartiere è molto diverso rispetto a oltre 600 anni fa, visti i cambiamenti, le aggiunte e le migliorie; è difficile pensare a mercati di cavalli e bestiame in piazze oggi così eleganti e vivaci! Nonostante a mio parere la Città Nuova non abbia lo stesso fascino senza tempo della Città Vecchia o di altri quartieri del centro città, ne ho comunque apprezzato le architetture, la vivacità e la varietà, anche perché si tratta di un quartiere veramente grande.

Città Nuova di Praga

Passeggiando per la Città Nuova di Praga

Secondo il progetto voluto da Carlo IV in persona, la struttura del quartiere è di più ampio respiro rispetto ai “vecchi” quartieri, con strade ampie e disposte in modo più organizzato: forse è proprio questo che lo rende meno affascinante rispetto ai vicoli stretti e sinuosi, ma allo stesso modo è questo che ha resto Nové Město il quartiere più importante della città da un punto di vista culturale, amministrativo e commerciale.

Cosa vedere nella Città Nuova di Praga

Il grande e ricco quartiere della Città Nuova di Praga è caratterizzato da un misto di architetture antiche e più moderne, ma ovunque potrai ritrovare angoli di Art Noveau, il cui più grande esponente praghese è stato Alfons Mucha. Come dicevo, il quartiere è grande e, quindi, può risultare un po’ dispersivo; per aiutarti a scoprirlo al meglio, ti lascio una lista dei luoghi e delle attrazioni che, secondo me, valgono la pena di essere viste, seguendo un ipotetico itinerario che parte dalla Città Vecchia. Con un buon passo, la Città Nuova di Praga si può scoprire anche in un solo giorno.

Piazza della Repubblica – Namesti Republiky

È proprio in questa grande piazza, con lo stile Art Noveau della Casa Municipale e il centro commerciale Palladium, che convergono i due quartieri: la Città Vecchia e la Città Nuova di Praga.

Na příkopě

Facente parte della cosiddetta Croce d’Oro, questo è uno dei più importanti viali di Praga da un punto di vista commerciale, con negozi, hotel, ristoranti, caffetterie e anche la sede della Banca Nazionale Ceca.

Museo del Comunismo

Premetto che non ci sono stata, ma forse ora, anche grazie al libro che sto leggendo (ne ho parlato brevemente qui), credo che mi interesserebbe molto! Situato in Na příkopě, si tratta di un piccolo museo privato in cui vengono ripercorse tutte le fasi del comunismo in Cecoslovacchia, con i suoi personaggi storici, la rivoluzione che ne portò la fine e le scene di vita quotidiana sotto al regime.

Piazza San Venceslao – Václavské náměstí 

Durante la tua permanenza a Praga, ti sarà praticamente impossibile non ritrovarti almeno una volta in questa gigantesca piazza (spesso chiamata semplicemente Piazza Venceslao, o Václavák per i praghesi), lunga e stretta che quasi sembra un enorme viale: misura circa 750 per 60 metri.

Città Nuova di Praga

Città Nuova di Praga

La Piazza ha sempre costituito un importante fulcro sociale per gli abitanti della città: è il luogo, ad esempio, dove nel 1918 la Cecoslovacchia fu dichiarata indipendente; fu sempre in questa piazza dove, nel 1969, lo studente Jan Palach si dette fuoco dando vita a quella che poi sarebbe stata chiamata la Primavera di Praga. Infine, nel novembre del 1989 una manifestazione che si tenne qui diede inizio alla Rivoluzione di Velluto che portò alla soppressione del regime comunista. Insomma, in questa piazza si è fatta la storia di Praga e di tutto il Paese!

Piazza Venceslao continua anche oggi ad essere un punto di ritrovo per locali e visitatori, un luogo dove si tengono tutta una serie di eventi ed esibizioni durante l’anno; quando ci sono stata io, ad esempio, c’erano già parecchi stand “autunnali” e il profumo intenso del prosciutto di Praga che aleggiava in tutta la piazza è difficile da dimenticare.

Città Nuova di Praga

Come se fosse un grande centro commerciale all’aria aperta, lungo il “viale” si sussegue una serie infinita di bar, ristoranti, negozi, hotel, uffici e locali notturni all’interno di palazzi eleganti e signorili: Piazza Venceslao è sempre un brulicare di persone, a qualsiasi ora del giorno e della notte!

In fondo si trova l’imponente struttura del Museo Nazionale, mentre al centro della piazza si erge imperiosa la statua equestre di San Venceslao, duca e patrono della Boemia. Altre attrazioni a cui dare un’occhiata in questa piazza sono il Memoriale alle vittime del comunismo, la Galleria Lucerna e il Grand Hotel Europa, in stile Art Noveau.

Città Nuova di Praga

Museo Nazionale – Národní Muzeum

L’edificio che si trova in fondo a Piazza Venceslao è in realtà solo la sede principale dell’intero Museo Nazionale, dislocato in più edifici in giro per la città. Si tratta di un palazzo elegante e bellissimo, costruito tra il 1885 e il 1891. Il museo ospita collezioni di preistoria, paleontologia, antropologia e altro e, purtroppo, non sono riuscita a visitarlo a causa di una massiccia ristrutturazione ancora in corso; il Museo dovrebbe riaprire l’anno prossimo, e credo che sia un buon motivo per tornare visto che gli interni devono essere davvero un incanto!

Città Nuova di Praga

Il Museo Nazionale fa da sfondo alla statua di San Venceslao

In attesa della riapertura, è possibile visitare le collezioni temporanee nell’”edificio nuovo”, un moderno palazzo che si trova a poca distanza.

Opera di Stato – Státní Opera

Del complesso del Museo Nazionale fa parte l’Opera House di Praga, costruita nel 1888 come uno dei più importanti teatri lirici ed esempi di neo-rococò d’Europa. Si trova in una posizione un po’ infelice, ma vale la pena anche solo passarci davanti! Gli spettacoli variano tantissimo in genere, ma si possono acquistare biglietti a partire da soli 100 CZH; mi sa che la prossima volta ci faccio un pensierino 🙂

Chiesa della Vergine Maria della Neve e Giardino dei Francescani – Kostel Panny Marie Sněžné e Františkánská zahrada

La Chiesa della Vergine Maria della Neve è famosa per le sue arcate in stile gotico, che raggiungono un’altezza di 34 metri. Adiacente alla chiesa si trova il delizioso e tranquillo Giardino dei Francescani, con panchine, roseti, statue, fontane, aiuole, alberi da frutto ed erbe aromatiche. Una vera e propria oasi verde!

Teatro Nazionale – Národní Divadlo

Costruito tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900, questo stupefacente edificio, dalla facciata e gli interni sontuosi e riccamente decorati, ha sempre costituito uno dei simboli dell’identità nazionale ceca e del risorgimento nazionalista. Fu distrutto da un incendio solo due anni dopo l’inaugurazione, ma venne ricostruito ancora più bello di prima grazie agli sforzi dei cittadini praghesi, e qui oggi si tiene un fitto programma di spettacoli, balletti e opere liriche.

Città Nuova di Praga

Piazza Carlo – Karlovo Námestí

Non è molto frequentata dai turisti rispetto alle altre importanti piazze del centro, eppure Piazza Carlo a me è piaciuta moltissimo perché rappresenta un po’ il polmone verde del centro città!

Città Nuova di Praga

La più grande piazza di Praga, infatti, è in realtà un grande parco verde, pieno di alberi e di panchine all’ombra dove rilassarsi un po’, oltre che di graziose statue e fontane. Lungo il perimetro si trovano bei palazzi, tra cui Casa Faust, oltre che il Municipio della Città Nuova e la gesuita Chiesa di Sant’Ignazio, costruita nel sontuoso stile barocco.

Città Nuova di Praga

Municipio della Città Nuova – Novomestská radnice

Si trova in un angolo della piazza ed è l’edificio dove si svolgeva la vita amministrativa della municipalità della Città Nuova di Praga, prima che tutte le municipalità vennero fuse in un’unica città nel 1784. Qui avvenne la famosa Defenestrazione di Praga che, nel 1419, diede vita alla rivoluzione ussita; oggi, il municipio è dedicato a manifestazioni culturali e matrimoni, e si può anche salire in cima alla torre in stile gotico, alta circa 70 metri.

Città Nuova di Praga

Casa Danzante – Tancící dum

La passeggiata lungo la Moldava, dalla parte della Città Nuova, è molto bella: il viale è pulito, elegante, affiancato da bellissimi palazzi e con viste molto suggestive sul fiume.

Città Nuova di Praga

Passeggiando, si trova inevitabilmente la Casa Danzante, che è uno degli edifici più famosi non solo della Città Nuova, ma anche di tutta Praga. Perché? Perché fa scalpore! È un edificio davvero bizzarro, costituito da due edifici completamente diversi –uno in pietra e uno in vetro-, che si “abbracciano” in modo più o meno armonico e sembrano ballare una qualche danza sconosciuta: da qui il nome di Casa Danzante, anche chiamata Fred e Ginger (dai celebri ballerini Fred Astaire e Ginger Rogers, ovviamente).

Il palazzo fu costruito per conto di una ditta di assicurazioni nel 1992-96, nel luogo dove un tempo si trovava un palazzo distrutto dai bombardamenti alla fine della Seconda Guerra Mondiale; all’interno si trovano un hotel, vari uffici, una galleria d’arte, una caffetteria e un ristorante di lusso.

Città Nuova di Praga

È normale che un edificio del genere, inserito in un contesto “classico” fatto di edifici risalenti al 1700 e 1800, abbia suscitato parecchie contrapposizioni di pensiero per la sua eccentricità: alcuni lo ritengono totalmente fuori luogo, come un vero e proprio pugno in un occhio all’eleganza praghese, mentre altri lo considerano il simbolo di una Praga più moderna e al passo coi tempi. Io mi trovo a metà strada: trovo che effettivamente non c’entri proprio niente stilisticamente, eppure ha un “non so che” che mi piace proprio! Tu che ne pensi??


INFO UTILI

Come arrivare: il quartiere della Città Nuova di Praga si snoda intorno alle due stazioni della metropolitana Můstek (linee verde e gialla) e Muzeum (linee verde e rossa), entrambe situate in Piazza San Venceslao. Altre stazioni sono Karlovo námestí e Národní trída. I tram 3, 9, 14 e 24 fermano in Piazza San Venceslao.

Museo del Comunismo: aperto tutti i giorni dalle 09.00 alle 21.00. Il biglietto di ingresso costa 190/150 CZH intero/ridotto.
Museo Nazionale: la biglietteria è solitamente aperta tutti i giorni, dalle 09.00 alle 18.00 (a partire dalle 10.00 il sabato e la domenica); i biglietti possono essere acquistati anche online.
Chiesa della Vergine Maria della Neve e Giardino dei Francescani: la chiesa è aperta per le visite tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00, tranne che durante le funzioni religiose. Il giardino, invece, è accessibile tutti i giorni dalle 07.00 alle 22.00 (aprile-settembre), dalle 07.00 alle 20.00 (settembre-ottobre), dalle 08.00 alle 19.00 (ottobre-aprile).
Municipio della Città Nuova: il municipio e la torre sono accessibili da aprile a novembre, dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 13.00 alle 18.00. Alcune esposizioni nel municipio sono comunque accessibili anche in inverno. Il biglietto d’ingresso costa 60/40 CZH intero/ridotto.
-Per maggiori info: questo è il sito su Praga più attendibile e approfondito, per me.


Sei mai stato nella Città Nuova di Praga? Come ti è sembrata? E cosa ne pensi della Casa Danzante? Raccontamelo con un commento! 🙂