Capitale della Svizzera, Berna è un piccolo gioiellino incastonato in un’ansa del fiume Aare. Ti porto a fare un giro tra le sue strade!            Berna

Fondato nel 1191, il centro storico di Berna sorge come una bomboniera sulle rive del fiume Aar e circondato dalle Alpi. Romantica e affascinante, Berna sembra rimasta a un’epoca passata, eppure sa anche essere vivace e ospitale; in ogni caso, è proprio bella e ricca di angoli meravigliosi: non è un caso se tutto il centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO!

Prima di partire per la Svizzera, avevo visto qualche foto di una Berna davvero deliziosa, per cui avevo alte aspettative…che non sono state deluse! Nonostante una mattinata nuvolosa, il sole è arrivato nel primo pomeriggio e ha reso questa città ancora più apprezzabile, e credo sia la mia città svizzera preferita tra quelle che ho visitato, subito dopo Basilea. Anche se non sono riuscita a visitare tutto quello che avrei voluto, posso comunque ritenermi più che soddisfatta: ecco come mi sono mossa io!

I Lauben di Berna

La mia visita è iniziata dalla stazione ferroviaria, dove avevamo parcheggiato la macchina. In pochi minuti, da qui, siamo già in centro! La prima grande attrazione di Berna che mi si è parata davanti è stata la Heiliggeistkirche, o Chiesa del Santo Spirito: purtroppo non sono riuscita ad entrare, ma da fuori fa davvero una bella impressione! Abbiamo poi preso Marktgasse, una delle vie principali di Berna.

Questa via, così come tante altre nel grande dedalo della città, è molto ampia, affiancata da alti palazzi e caratterizzata dalla presenza dei Lauben, i portici che sono un po’ il simbolo della città. Sotto i portici si trovano tutti i tipi di negozi, bar, ristoranti e chi più ne ha più ne metta: pensate che, in tutto, a Berna i portici raggiungono un totale di 6 km! Un’altra particolarità sono i tanti negozietti/ristoranti/pub che si trovano sotto terra, ai quali si accede tramite una sorta di botola che parte dai piedi dei portici: la storia di queste “botole” non sono riuscita a scoprirla da nessuna parte (anzi, se ne sai qualcosa, parlamene), ma deve essere sicuramente interessante!

Berna

Berna

Berna

Berna

Berna

Le fontane di Berna 

Lungo Marktgasse e in moltissimi altri luoghi non solo di Berna, ma anche di altre città svizzere, è possibile ammirare poi le fontane: tutte hanno motivi decorativi sulla colonna e una statua colorata sulla cima, ma sarà impossibile trovarne una uguale all’altra! Di stampo medievale, rendono uniche le città svizzere e, con i loro colori, contrastano perfettamente con le pareti grigie dei palazzi di Berna. Sono costruite in corrispondenza dei vecchi pozzi cittadini, un tempo postazioni centrali per l’approvvigionamento idrico e quindi importantissime, e Berna ne conta addirittura più di 100!  

Berna

Berna

La Bundeshaus, il Parlamento svizzero

A metà di Marktgasse, sulla destra, troviamo Bärenplatz, una piazza stretta e lunga che si apre poi su Bundesplatz, ristrutturata da poco e ospitante una pista di pattinaggio sul ghiaccio e una serie di fontane con giochi d’acqua rappresentanti i 26 cantoni svizzeri. Non ho visto le fontane in funzione, perché in queste piazze abbiamo trovato il mercato cittadino: un labirinto di chioschi e banchetti che vendono oggetti tipici e cibo locale: da leccarsi i baffi!

Ma noi abbiamo resistito e abbiamo attraversato la piazza, arrivando ai piedi della Bundeshaus, ovvero il Palazzo Federale, sede del Parlamento e del Governo svizzero. Il palazzo, costruito a partire dal 1852, è da visitare soprattutto all’interno: il sabato potrai usufruire di una visita guidata in italiano. Noi non ci siamo fatti sfuggire quest’occasione, e abbiamo partecipato alla visita, lunga circa un’ora: sono stata davvero contenta di averlo fatto!

La guida (una ragazza ticinese che parla perfettamente italiano, tedesco, francese e inglese…invidia) è stata bravissima a spiegarci tutto ciò che c’è da sapere sui cantoni, il sistema governativo, il palazzo stesso…una meraviglia! Ci sono state raccontate anche tante simbologie e tanti aneddoti divertenti e curiosi: sicuramente, la parte che mi piace di più. A chi visita Berna consiglio vivamente di trascorrere un po’ di tempo in questo meraviglioso palazzo, per ammirarne le bellezze e scoprire qualcosa in più su questo Paese, piccolo ma dalla spiccata personalità!

Berna

Berna

Berna

Berna

Berna

Una volta fuori, si può ammirare il bellissimo panorama che vi si apre davanti dalla terrazza sul retro del Parlamento.

Berna

Zytglogge

Si può poi tornare in Marktgasse e passare sotto la Torre delle Prigioni (Käfigturm, antica porta e prigione di Berna, oggi sede del Forum politico della Confederazione), fare una deviazione verso la Französische Kirche, oppure proseguire verso uno degli altri simboli della città, la Zytglogge (Torre dell’Orologio). Da sempre importante orologio cittadino, dal 1530 è stato abbellito da un elaborato orologio astronomico e da un carillon che, a ogni ora, suona e fa un piccolo spettacolino (niente di speciale, in effetti, e dovevi vedere la mia delusione!).

Berna

Dopo aver fatto una piccola deviazione per ammirare il bellissimo palazzo del casinò, dalla Zytglogge si può scegliere di proseguire su due diverse vie, anch’esse tra le principali della città: Münstergasse, che prosegue in Junkerngasse, oppure Kramgasse, che prosegue in Gerechtigkeitsgasse.

La Cattedrale di Berna

Su Münstergasse troverete la bellissima cattedrale di Berna (Berner Müsnter, appunto). Non dico bellissima a caso: questa è stata una delle chiese che più mi ha affascinato durante tutto il viaggio in Svizzera! Imponente l’esterno, mozzafiato l’interno, nonostante alcuni angoli sotto restauro. I soffitti, le file infinite di panche di legno intagliate, le vetrate colorate, gli stemmi e le colonne, l’atmosfera gotica che mi fa impazzire…che bellezza!

La cattedrale è l’edificio religioso più grande della Svizzera, e ha richiesto addirittura più di 400 anni per essere costruita: dal 1421 al 1893! È possibile anche salire in cima alla torre campanaria per godere di un panorama sicuramente splendido.

Berna

Berna

Berna

Berna

Verso il fiume

Da Kramgasse, invece, potete fare una deviazione in Kreuzgasse per fare una breve visita a due begli edifici, uno di fronte all’altro: il Municipio (Rathaus) e la St. Peter und Paul Kirche.

Le due strade principali corrono parallele e si ritrovano in Nydeggasse, dove potete trovare l’omonima chiesa (Nydeggkirche), che mi aspettavo un pochino meglio, prima di continuare su Nydeggbrücke, uno dei principali ponti che attraversa l’Aare: da qui, se il sole ti assiste, puoi ammirare dei meravigliosi scorci sulla città proprio dietro di te!

Berna

Berna

Berna e i suoi orsi

Subito di là dal ponte si trova il Bärengraben, il luogo sacro dell’animale simbolo di Berna: l’orso, naturalmente! Su un bellissimo pendio verde che digrada nel fiume, il Bärenpark costruito nel 2009, gli orsi hanno trovato il loro habitat e la possibilità di pescare, giocare, riposarsi e vivere felici. I visitatori possono visitare il centro e il parco, arrivando a distanza ravvicinata dagli orsi; è un peccato che, quando sono andata io a gennaio, il parco era ovviamente vuoto.

Per alcuni una cosa del genere potrà sembrare la trasformazione dei poveri orsi in fenomeni da baraccone; io non credo sia così: gli orsi abitano la città di Berna fin dal 1500, e Berna ha voluto omaggiare questo animale ponendolo al centro del proprio stemma araldico e dedicando loro uno spazio ad hoc. I recinti non fanno sempre e necessariamente male agli animali!

Berna

Le rose e Renzo Piano

Terminata la visita, il sole sta tramontando ed è ora di tornare a casa. Prendiamo la macchina e ci concediamo due ultime fermate. La prima è al Giardino delle Rose (Rosengarten), situato sulla collina proprio sopra al Büarengraben. Si tratta di un bellissimo parco (dal 1913, prima serviva da cimitero cittadino) con centinaia di specie di rose e altri fiori. Un parco perfetto per rilassarsi ma, soprattutto, per ammirare il tramonto e la vista fantastica su tutta la città!!

Fuori dal centro, invece, si trova il Zentrum Paul Klee, ovvero il museo dedicato alle opere dell’artista, ma anche a molte altre esibizioni temporanee e permanenti. Essendo già tardi non abbiamo visitato l’interno (se non gli atri principali), ma l’esterno vale comunque una visita: realizzata da Renzo Piano, la gigantesca struttura a onde in legno e acciaio è ardita, ma affascinante!

Berna

Berna


Eccoci qua, anche la visita a Berna si conclude con un pochino di amarezza per non aver visitato proprio tutto tutto quello che avrei voluto (tipo il Museo di Einstein!) e di non aver vissuto a pieno l’atmosfera di questa città. Ma in un giorno solo, cosa volevo fare più di così?

Credo che Berna sia davvero un piccolo gioiellino, troppo trascurato da viaggiatori e turisti in confronto a tante altre città più famose ma, magari, meno affascinanti!! Vacci, se ne hai l’occasione 🙂

Berna


INFO UTILI

Zytglogge: il congegno si anima a ogni ora e 56 minuti. È possibile visitare anche l’interno della torre con visita guidata, tutti i giorni alle 14.30 (costo del biglietto: 15 CHF per gli adulti).
Bundeshaus: il palazzo è visitabile solo tramite visita guidata, disponibile in varie lingue. La visita guidata in italiano è disponibile ogni sabato alle 13.30 (per l’inglese, sabato alle 14.00, altrimenti ci sono visite in tedesco e francese quasi tutti i giorni). La visita è a titolo gratuito e durano circa un’ora. È necessario un documento d’identità. Potete comunque trovare tutte le informazioni qui.
Anche a Berna si può usufruire di tessere speciali, sconti e promozioni. Per maggiori informazioni su tanti punti di vista, vi consiglio di visitare il sito ufficiale della città.

Ah, e ricordatevi che, nonostante a Berna non si parli italiano, in molti lo capiscono…al Parlamento, io e Bea (l’amica che ci ha ospitato) stavamo sparlando del signore in divisa all’ingresso, concordando sul fatto che la divisa, per quanto renda gli uomini affascinanti, non possa fare miracoli, perché se uno è brutto brutto rimane… finché il signore ci ha restituito la carta d’identità salutandoci con un italiano impeccabile.
Ecco.


Tu hai mai visitato Berna? Cosa ne pensi? Quali altre città della Svizzera hai visitato? Raccontamelo nei commenti! 🙂